COOKIES

Per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin" (ad esempio Twitter) e di monitoraggio visitatori (ad esempio il contatore visite di Shinystat). 
Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi la nostra informativa estesa sull'uso dei cookie. 
Chiudendo questo banner, cliccando qualunque elemento di questa pagina o continuando la navigazione, acconsenti all'uso di tutti i cookie.

Call now » (+39) 0332 789023 |
Alessandro Rossi

Alessandro Rossi

E' sufficiente compilare il modulo di iscrizione e portarlo in segreteria unitamente ad una foto tessera ed al certificato medico di buona salute per attivita' sportiva non agonistica (GU 243 18/10/2014). Con il pagamento della quota si riceve subito la tessera dell'associazione che consente immediatamente di giocare. Il pagamento delle tessere si puo' effettuare presso la segreteria del Tennis Club anche tramite Pago-Bancomat o tramite bonifico bancario IBAN: IT 56 Q 02008 50020 000102065315 BIC: UNCRITM1321 spedendo la prova del pagamento a This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

To become a member of the JRC Tennis Club please download and complete the membership form return it with a photo, a non agonistic medical certificate (GU 243 18/10/2014) and proof of payment to secretariat or e-mail at This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.. Payments can be done by Pago-Bancomat or by a bank tranfer:  IBAN: IT 56 Q 02008 50020 000102065315  BIC: UNCRITM1321.

Il nostro Club è oggi certamente tra i più dotati della zona: sette campi di cui quattro coperti, con fondi per tutti i gusti, impianti di illuminazione sui tre campi esterni in terra battuta, una segreteria efficiente, istruttori, addetti alla manutenzione e via dicendo. Ma non è sempre stato così, lo sviluppo è stato logicamente graduale e progressivo. Ma come è nato, come si è costituito, quando e con quali mezzi a disposizione? Ripercorrere la sua storia fin dall'inizio può essere certamente istruttivo, oltre che informativo, ed è bene farlo prima che se ne perdano i testimoni. Proprio per questo, invitato a fare questo intervento "storico", lo sto facendo con molto piacere, perché la cosa mi fa tornare a lontani momenti di gioventù e di entusiasmo pionieristico, che è bello, anche se solo per un momento, rivivere. Di fatto, proprio chi scrive ha dato il via alla storia del Club, diffondendo al Personale una circolare datata 5 maggio 1962, nella quale si invitavano gli interessati a dare la loro adesione ad un costituendo Tennis Club. (Tempi decisamente lontani, se, a quanto mi risulta, l'attuale neo-eletto presidente del Club aveva, a quella data, solo pochi mesi di vita). Nella circolare, se ben ricordo, si dava anche notizia di un campo disponibile in località Sangiano, situato nel giardino di una villa di una famiglia milanese che non ne faceva uso ed era disposta ad affittarcelo annualmente. La villa era in una posizione alquanto elevata rispetto al paese e nel mezzo dell'estate non sempre l'acqua della rete idrica arrivava a quella quota, per cui era impossibile bagnare il campo e spesso si giocava in una nuvola di polvere, ma era pur sempre meglio di niente, almeno per cominciare. Inutile dire che la manutenzione era a nostro carico, ed era eseguita dal gruppo direttivo che si era formato: oltre a me, eletto presidente dalla dozzina di soci che avevano immediatamente aderito, si impegnavano con assiduità il mio vice, Bruno Giordani, ed alcuni consiglieri. Il campo era mal ridotto, con le strisce da consolidare e in parte da sostituire, il fondo indurito ed irregolare. Ci si trovava dopo l'orario di lavoro, o il sabato mattina, per lavorare col fresco. A questo campo si aggiunse quasi subito quello di Taino, presso una polveriera in via di dismissione, campo in pieno abbandono, con uno strato di muschio che ne faceva quasi un campo in erba. Rifatto anche quello, con l'impegno tenace degli stessi volontari, (ricordo in particolare Renato Gritti, Antonio Lattanzio e Giorgio Pigozzi, che mi affiancarono tutto il tempo), si passò a sistemare un terzo campo, saltato fuori a Luvinate, anch'esso presso una villa privata, riportato rapidamente in buone condizioni ed utilizzato soprattutto dai soci residenti attorno a Varese. Finalmente arrivarono da Bruxelles i crediti sociali per la costruzione del Club House e relativi campi da tennis (si tratta dei tre in terra battuta): ne discussi a lungo con gli addetti e fissai con loro l'ubicazione sul terreno a disposizione, sollecitandone e seguendone la costruzione. Quando erano quasi ultimati, ritenni ultimato il mio compito e propiziai l'elezione di un mio successore, trasferendo il mio impegno sociale alla costruzione di un campo di calcio in Ispra, tuttora esistente, per consentire l'attività al Club Calcio, che nel frattempo mi aveva voluto presidente. Ma questa è un'altra storia, torniamo al nostro Tennis, di cui sono rimasto da allora socio fedele, trovando, come sempre, poco tempo per giocare, ma facendolo ogni volta con l'entusiasmo e la passione di una volta. Termino queste mie brevi note ricordando come, mentre i campi di Sangiano e di Taino furono abbandonati non appena si ebbe la disponibilità dei tre campi del Club House, il campo di Luvinate continuò ad essere utilizzato da un gruppo di soci e di colleghi che se lo gestirono in proprio fino a poco tempo fa.

 

Page 14 of 39